WONDER WOMAN

reading su donne, denaro e superpoteri

di e con Antonella Questa, Giuliana Musso e Marta Cuscunà
Disegno luci: Erika Borrella, Daniele Passeri, Claudio Parrino
Costumi: Susanna Guerrini
Elementi scenici: Francesca Laurino
Foto: Adriano Ferrara
 +++ SPETTACOLO NON DISPONIBILE +++

“Il miglior rimedio per valorizzare le qualità delle donne è creare un personaggio femminile con tutta la forza di Superman ed in più il fascino della donna brava, buona e bella”
Così scriveva William M. Marston, ideatore di Wonder Woman, la prima eroina femminile dei comics. Eppure, anche se sei forte come Superman, essere femmina comporta degli svantaggi: mentre si trovano notizie sulla professione e lo status sociale dei super eroi maschi, della carriera delle loro colleghe donne sappiamo poco o nulla. Forse, pur essendo dotate di abilità sovrumane, nemmeno alle nostre sorelle bioniche è concesso di rompere il soffitto di cristallo che le allontana dall’autonomia economica e da una reale parità con gli uomini nel mondo del lavoro.
Partendo dall’inchiesta di Maria Silvia Sacchi e Luisa Pronzato, le tre attrici esplorano il tema dell’indipendenza economica femminile con le armi del teatro d’indagine e dell’ironia.
WONDER WOMAN tra risate ed emozione, è un divertente esercizio teatrale per dare spazio a legittimi interrogativi sullo stato dell’indipendenza economica delle donne in Italia e segnalare una soluzione alla generale stagnazione economica italiana: l’economia in rosa ovvero la Womenomics!

 

Estratti della principale Rassegna Stampa:

“Wonder Women: donne meraviglia, applausi scroscianti. Merito di tre attrici di categoria extralusso che rendono “Wonder Woman” teatro vero. Lo testimoniano i ritmi, l’intesa tra le protagoniste e la loro capacità di alternare parti maschili e femminili. Da ricordare. – Il Giornale di Vicenza