SVERGOGNATA

"Sempre strepitosa Antonella Questa! Bellissimo! Ancora una donna in crisi... qui il tema del tradimento... Con la sua comicità brillante attraversa problematiche autentiche... riuscendo a riconsegnare una preziosa dignità alla donna... Uno spettacolo veloce, intenso, ilare... un’infinità di azioni dal carattere coreografico... Bravissima Antonella Questa!”

Valeria Ottolenghi, Gazzetta di Parma, 16 Febbraio 2014
"È uno spettacolo terapeutico SVERGOGNATA, scritto e interpretato da Antonella Questa... centrato su temi fondamentali: il tradimento e la vergogna... La scenografia è assente, questo dà il senso della potenza della parola dell’attrice che si affida molto alla gestualità... La performance della Questa, che si conferma autrice e attrice di razza, è soprattutto una potente meditazione sull’omologazione e il coraggio che serve per uscirne... un monito, un augurio a smettere di guardare gli altri per non perdersi di vista. Il pubblico coglie e applaude con convinta energia."

Silvia Castagna, Giornale di Vicenza, 29 Ottobre 2014
Precedente
Successivo

Quanto contano lo sguardo e il giudizio degli altri? Quanto pesano nel nostro quotidiano? SVERGOGNATA porta a galla le trappole in cui spesso inconsapevolmente cadiamo, ovvero il bisogno di approvazione, la schiavitù dell’immagine e della desiderabilità sociale che ci distraggono da ciò che realmente desideriamo e da ciò che siamo.

Questo sistema al quale la protagonista ha aderito perfettamente fin dalla nascita, viene messo in crisi quando scopre una serie di messaggi sul cellulare del marito con decine di “svergognate”.

Cosa fare quindi per non perdere l’immagine costruita negli anni? Per recuperare lo sguardo del marito su di lei? Inaspettatamente sarà proprio l’incontro con una vera “svergognata” ad aiutarla a ribaltare il punto di vista e a farle recuperare l’unico sguardo che conta davvero: quello su se stessa, restituendole così una nuova e preziosa dignità.

Quanto contano lo sguardo e il giudizio degli altri? Quanto pesano nel nostro quotidiano? SVERGOGNATA porta a galla le trappole in cui spesso inconsapevolmente cadiamo, ovvero il bisogno di approvazione, la schiavitù dell’immagine e della desiderabilità sociale che ci distraggono da ciò che realmente desideriamo e da ciò che siamo.

Questo sistema al quale la protagonista ha aderito perfettamente fin dalla nascita, viene messo in crisi quando scopre una serie di messaggi sul cellulare del marito con decine di “svergognate”.

Ancora una volta Antonella Questa si immerge nelle pieghe della società con il suo sguardo ironico, che solleva il giudizio, per mettere in luce le nostre debolezze. L’uso del corpo nelle coreografie, cifra stilistica della Questa, qui diventa un vero e proprio linguaggio sostituendosi alla parola e restituendoci uno spettacolo che nel dinamismo ha uno dei suoi punti di forza.

Svergognata

Drammaturgia
Regia
Coreografie
Disegno luci
Organizzazione generale
Produzione
In collaborazione con
E con
Antonella Questa
Francesco Brandi
Magali B. - Cie Madeleine&Alfred
Erika Borella
Serena Sarbia
LaQ-Prod
Teatro Comunale di Fontanellato (PR)
Associazione Culturale Progetti&Teatro

Due righe ogni tanto sulla #Attriciklife

Iscriviti alla mia NiuZletter per scoprire in anteprima cosa combino, dove andrò in tournée e per non perderti nessuna novità in tema di Pedagogia Nera!

Ancora una volta Antonella Questa si immerge nelle pieghe della società con il suo sguardo ironico, che solleva il giudizio, per mettere in luce le nostre debolezze. L’uso del corpo nelle coreografie, cifra stilistica della Questa, qui diventa un vero e proprio linguaggio sostituendosi alla parola e restituendoci uno spettacolo che nel dinamismo ha uno dei suoi punti di forza.